Biografia

Fabio Montomoli viene riconosciuto dalla critica come uno dei migliori interpreti del panorama internazionale, con il suono tra i più belli in circolazione, dotato di potenza, penetrazione e una vasta varietà di timbrica.

Fabio Montomoli  si   diploma con il massimo dei voti presso il Conservatorio “S.Cecilia” di Roma con il M° Carlo Carfagna. Frequenta il corso stabile al “Mozarteum” di Salisburgo studiando Klassische Gitarre con il M° Eliot Fisk ed il M° Joaquin Clerch-Diaz  e Barockmusik con il M° Nikolaus Harnoncourt. Studia contrappunto e composizione con il M° Francesco Iannitti Piromallo.



Vincitore di primi premi assoluti in sette tra i più importanti concorsi nazionali, nel ’92 vince il concorso internazionale di chitarra “Mauro Giuliani”.


Successivamente inizia la carriera concertistica che lo porta a suonare nelle più importanti stagioni concertistiche in Italia e all’estero: tour in Giappone (Tokyo, Hiroshima, Hayama, Kamakura), tour negli Stati Uniti (Miami, Boston, Philadelphia, Pittsburgh, New York), tour in Messico (Morelia, Paztquaro, Zitaquaro, Ixtlauacha, Zamora, la Piedad, Aguascalientes, Città del Messico, Queretaro, Pachuca). tour in Finlandia (Tampere, Helsinki, Turku), Tour in Germania (Berlino, Colonia, München, Norimberga, Heidelberg, Wolfsburg, Deggendorf) Tour in Spagna (Granada, Valencia, Linares, Girona) Mosca, Salisburgo, Vienna, Praga, Pilsen,  Malta, Minorca,  Beirut, Tyro,  Bitola.), Tour in Kazakistan (Astana , Almaty, Karaganda, Kokshetau). Tour in Venezuela (Caracas, San Felipe), Belgrado,Tour in Argentina ( Buenos Aires, Rosario, Bahia Blanca, Trenquelauque, Gualeguaychù, San Miguel.), Santiago de Chile, Tour in Camerun ( Douala, Yahoundè). Varsavia, Singapore, Hong Kong.


Fabio Montomoli viene invitato regolarmente   in alcuni dei più importanti  festival chitarristici internazionali “Andrès Segovia Ciudad de Linares (Spagna),  Hersbruck guitar festival (Germania), Tokyo guitar festival (Giappone), " Volos winter guitar festival (Grecia), Turku Guitar Festival (Finlandia), Morelia Guitar Festival (Messico)  ecc.


Collabora costantemente con alcuni compositori che gli hanno dedicato le proprie opere: Il M° Fabrizio Festa gli ha dedicato la suite “Paesaggi” per chitarra sola (1997), Il M° Francesco Iannitti Piromallo gli ha dedicato: il Concerto in La magg. per chitarra e orchestra (2002), La sonata in Re magg. per chitarra sola (2007) e la Suite “la Porta del sole” per clarinetto e chitarra dedicata al duo Giovanni Lanzini-Fabio Montomoli (2009).


Numerose le trasmissioni radiofoniche dove è stato protagonista: Radio Vaticana con un programma trasmesso in diretta sul canale classica, Radio Rai 2 , Radio Helsinki “La rondine” con concerto in diretta nazionale, Radio Rete Toscana Classica ecc.


Incide per la  casa discografica “SAM classica “di Lari (Pi) dove, tra i CD come solista spiccano varie prime registrazioni assolute e trascrizioni di importanti opere strumentali (Turina: La oraciòn del torero op.34, Cinco danzas gitanas op.55 ecc)  tutte pubblicate nella collana personalmente diretta e curata “SAM pubblicazioni”.


Oltre all’attività concertistica Fabio Montomoli si dedica alla didattica tenendo master-class sia in Italia che all’estero (Spagna, Germania, Austria, Francia, Grecia, Libano, Messico,,, ecc.). E’ titolare della classe di chitarra presso la scuola a indirizzo musicale  “Leonardo da Vinci” e l’istituto musicale comunale “P.Giannetti” di Grosseto.


Dal 2003 è direttore artistico e fondatore del “Festival Internazionale Chitarristico Palmiero Giannetti” a Grosseto e del “Festival Internazionale Chitarristico Alvaro Mantovani” a Follonica.


Fabio Montomoli suona una chitarra del liutaio  Steve Connor e una del liutaio Antonino Scandurra .

“...il suo repertorio è inusuale ed il suo approccio è personale e profondamente sentito...”
Eliot Fisk, Professore di chitarra al Mozarteum di Salisburgo (Austria)

“...è un concertista che ha lasciato un’impressione fresca con le sue qualità tecniche ed un suono che non è solo morbido ma anche molto trasparente...”  Genday Guitar Tokyo  (Giappone)

“…fresca espressività musicale e interpretazione naturale e limpida che si avvertono in particolare nelle sue esecuzioni di musica contemporanea, tutto accompagnato da una base tecnica brillante.”

Toguchi Kousaku (critico musicale, Tokyo)

“…la sua capacità espressiva e la grande sensibilità umana, unite ad una tecnica sicura, fanno sì che il virtuosismo non escluda la musica, ma che al contrario le due cose si completino lungo il cammino sublime dell’arte...”

Joaquin Clerch-Diaz, Professore di chitarra al Conservatorio di Dussendorf (Germania)

classical guitar

© 2018 by Classical Musician. No animals were harmed in the making of this site.

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • YouTube Classic
  • spotify-03-100x100.png